Sisimiut (danese: Holsteinsborg) è una città della Groenlandia centro-occidentale, situata sulla costa dello stretto di Davis, a circa 320 km (200 miglia) a nord di Nuuk. È il centro amministrativo della municipalità di Qeqqata e la seconda città più grande della Groenlandia, con una popolazione di 5.460 persone nel 2010.

Il luogo in cui si trova la città di oggi iniziò ad essere abitato 4.500 anni fa. I primi abitanti furono i popoli Inuit della cultura Saqqaq, della cultura Dorset e successivamente del popolo Thule, i cui discendenti costituiscono la maggioranza della popolazione odierna. In tutta la regione si trovano reperti provenienti da antichi insediamenti, favoriti in passato per la loro abbondante fauna, in particolare i mammiferi marini, che fornivano sostentamento a questi antichi popoli cacciatori. La popolazione moderna di Sisimiut è un misto di Inuit e danesi, che si stabilirono per la prima volta nella regione nel 1720 sotto la guida del missionario danese Hans Egede.

case Sisimiut
case Sisimiut

Oggi Sisimiut è il più grande centro commerciale a nord della capitale Nuuk ed è una delle città in più rapida crescita della Groenlandia. La pesca è l’industria principale di Sisimiut, sebbene la città abbia un’industria di materie prime in crescita. KNI e la sua controllata Pilersuisoq, una catena di magazzini statali in Groenlandia, hanno sede a Sisimiut. Architettonicamente, Sisimiut è un mix di tradizionali case unifamiliari e alloggi collettivi, con condomini creati nel 1960 durante un periodo di espansione nelle città della Groenlandia. Sisimiut è ancora in espansione nell’area a nord del porto, sulle rive della baia di Kangerluarsunnguaq, riservata a un sobborgo con alloggi moderni che sarà costruito negli anni 2010. Sisimiut ha diverse scuole di base e professionali che forniscono istruzione agli abitanti delle città e dei piccoli insediamenti nella regione.

La città ha una propria linea di autobus ed è il porto parzialmente senza ghiaccio più settentrionale del paese, una base di trasporto per la Groenlandia occidentale e nordoccidentale. Le navi di rifornimento lasciano il porto commerciale per piccoli insediamenti nelle regioni più remote del fiordo di Uummannaq , nell’arcipelago di Upernavik e verso la lontana Qaanaaq nel nord della Groenlandia. L’aeroporto della città è servito da Air Greenland, che offre collegamenti con altre città della costa occidentale della Groenlandia e attraverso l’ aeroporto di Kangerlussuaq con l’Europa.

Posizione

Sisimiut si trova sulla costa occidentale della Groenlandia, a circa 50 chilometri a nord del Circolo Polare Artico e a metà strada tra Nuuk e la baia di Disko.

La città si trova sulla punta della penisola tra i due fiordi di Kangerluarsuk Tulleq a nord e Amerloq a sud. Dietro la città si trova la montagna locale Nasaasaq (Kællingehætten), che a 784 metri forma una barriera tra la città e il resto della penisola. La baia di Kangerluarsunnguaq divide la città. Ci sono anche numerose isole di fronte alla città, di cui Qeqertarmiut è la più grande.

La città è il punto finale (direzione di viaggio più frequente) o il punto di partenza del sentiero del circolo polare artico, che è ben noto nella scena del trekking e attraversa la costa occidentale della Groenlandia nel suo punto più ampio tra Sisimiut e Kangerlussuaq .

Carta geografica

Storia

Fino ai tempi coloniali

Le più antiche tracce di insediamento risalgono al 2500 a.C. aC e provengono da membri della cultura Saqqaq. Successivamente, l’area fu abitata dalla cultura del Dorset. Nel XV secolo, i balenieri europei arrivarono nell’area e commerciarono con gli Inuit ora residenti.

Dopo che Hans Egede fondò la sua stazione missionaria sull’Håbets Ø nel 1721, nel 1724 furono fatti tentativi per fondare un altro insediamento. Questo era il luogo Nipisat 15 km a sud dell’odierna Sisimiut. La stazione commerciale fu bruciata dai balenieri olandesi già nel 1725. Nel 1729 la stazione commerciale fu ricostruita e lasciata nel 1731, dopodiché i balenieri la lasciarono bruciare di nuovo. I balenieri usarono il luogo Ukiivik 33 km a nord dell’odierna Sisimiut per il baratto con il Kalaallit.

18mo secolo

Nel 1756 Jørgen Holm e Anders Olsen fondarono la colonia Sydbay a Ukiivik, che presto prese il nome da Niels Egede Holsteinsborg, dal nome di Johan Ludvig von Holstein, presidente del Missionskollegiet, responsabile della missione danese in Groenlandia. Nel 1759 Niels Egede fondò una loggia missionaria ad Asummiut, che volle chiamare Missionens Ønske. A causa delle scarse opportunità di pesca e commercio a Ukiivik, la colonia fu trasferita nel 1764 nel luogo dell’odierna città, di fronte ad Asummiut. Nel 1767 anche la sede della missione fu trasferita a Sisimiut e così unita alla colonia. Nel 1773 fu costruita la chiesa di Sisimiut, ancora in piedi, parte della quale fu pagata dai groenlandesi sotto forma di grasso di balena e balena.

19esimo secolo

La popolazione in seguito crebbe rapidamente, ma circa 400 persone morirono a causa di un’epidemia di vaiolo nel 1801. Ma la città si riprese rapidamente e crebbe per tutto il XIX secolo.

Nel 1850 la colonia aveva una chiesa, una scuola, un appartamento missionario, due case, un vettovagliamento, una fabbrica di birra, una fucina, un panificio e un vettovagliamento.

20 ° secolo

Dal 1911 anche la colonia di Holsteinsborg formò un proprio comune, al quale apparteneva ancora l’abitato di Isortoq. Faceva parte del consiglio elettorale dell’11° distretto della Groenlandia meridionale.

Nel 1918 a Sisimiut vivevano 293 persone, di cui otto europei. Tra loro c’erano 24 persone che vivevano effettivamente a Isortoq, che è stata abbandonata per un breve periodo questo inverno. Tra i groenlandesi c’erano 19 cacciatori e 10 pescatori. Nei servizi pubblici erano impiegati l’amministratore coloniale, l’assistente commerciale, un preside, tre carpentieri, tre bottai, un armaiolo, un fabbro, un fornaio, un barcaiolo, un cuoco, un colono, un’infermiera e un’ostetrica, nonché il parroco e due catechisti nelle funzioni religiose.

Oltre a 32 case groenlandesi, c’era una casa del 1846 a Sisimiut nel 1918 che serviva l’amministratore e assistente coloniale, una casa probabilmente del 1756 che ospitava il panificio e il laboratorio di falegnameria, un negozio di generi alimentari e un negozio costruito nel 1852, una casa del 1844, e una casa di pancetta con botti dal 1896, una fabbrica di liquori dal 1853, un ospedale dal 1906, una fabbrica di birra, una fucina, una casa del salmone, una casa del pesce, una casa materiale, tre capannoni del carbone, una rimessa per le barche, un prigione, lavatoio, polveriera e petroliera, la chiesa del 1773, l’appartamento del parroco e la scuola. Il parroco gestiva una scuola per catechisti che sostituiva la formazione al seminario di Grønland per catechisti in piccoli spazi abitativi.

All’inizio del XX secolo iniziò la conversione dalla caccia alle balene alla pesca e alla lavorazione del pesce, tanto che nel 1924 fu costruita la prima fabbrica di pesce in Groenlandia a Sisimiut. Sette anni dopo, qui fu costruito anche il primo cantiere navale del paese.

Quando i groenlandesi iniziarono a trasferirsi dai piccoli villaggi alle città negli anni ’60, Sisimiut crebbe fino alle dimensioni che è oggi. Nel corso di questo sviluppo, il paesaggio urbano è stato sempre più modellato da grandi edifici prefabbricati.

Dal 1950 al 2009, Sisimiut è stata la città principale del comune di Sisimiut, a cui appartenevano Itilleq, Sarfannguit e, dal 2002, Kangerlussuaq , prima che il comune fosse fuso con il comune di Maniitsoq per formare Qeqqata Kommunia come parte della riforma amministrativa.

Attività commerciale

Lago Sisimiut

All’inizio a Sisimiut dominava la caccia alle balene, come testimoniano ancora oggi le due ossa di balena al centro del villaggio. Sisimiut è stato il primo posto in Groenlandia con un’industria della pesca all’inizio del XX secolo. Oggi la produzione di gamberi predomina in città, ma anche la cattura di lepri di mare, merluzzo, lupo di mare striato e ippoglosso bianco e nero gioca un ruolo importante. La più grande fabbrica di pesce del paese è ora a Sisimiut. La città è anche la sede della società commerciale KNI. Sisimiut è anche una popolare destinazione turistica e uno dei centri educativi più importanti del paese con numerose istituzioni educative.

Infrastrutture e fornitura

case Sisimiut

Sisimiut ha una vasta area portuale, che ha una lunghezza di ormeggio di 1,3 km per mezzo di diverse banchine. C’è anche un porto turistico più a est per barche private con otto moli. Per il futuro c’è anche la possibilità di costruire un porto ancora più grande a circa 8 km a nord-ovest della città su Kangerluarsuk Tulleq. Nel 1998, l’aeroporto di Sisimiut è stato costruito sul sito dell’ex insediamento Asummiut. Una strada collega Sisimiut con l’aeroporto, che si trova a 3 km a nord-ovest. Nel complesso, Sisimiut ha una vasta rete stradale. Dopo aver preso in considerazione la costruzione di una strada tra Kangerlussuaq e Sisimiut, a metà giugno 2020 è stato firmato un contratto per la costruzione prevista con la società di costruzioni danese Mt Højgaard. Il primo ad essere costruito è a 21 chilometri da Kangerlussuaq.al lago Tasersuaq. La strada dovrebbe consistere in un misto di ghiaia e asfalto. Sarebbe il primo a collegare due luoghi abitati in Groenlandia.

Nukissiorfiit assicura l’alimentazione elettrica tramite una centrale idroelettrica e una centrale diesel di emergenza. L’acqua potabile viene fornita attraverso diversi laghi, la cui acqua viene trattata nell’acquedotto situato a est della città. I rifiuti della città vengono scaricati e poi bruciati. Due terzi delle case sono allacciate alla rete fognaria. Le acque reflue vengono per lo più scaricate in mare.

Tre filiali di Brugseni, una di Pisiffik, tre di Spar, una di Torrak, una di JYSK e una di Pisattat riforniscono i residenti di merci e beni.

Sviluppo

Via Sisimiut

Sisimiut è composto da più parti. La parte più antica della città è a sud del porto. Qui è dove la Bethel Church, costruita nel 1775, è la più antica chiesa in legno della Groenlandia. Questo e l’intera area circostante con numerosi edifici coloniali fino a 250 anni fanno ora parte del Museo Sisimiut.

Le aree residenziali si trovano a sud del centro storico della città, a nord-est di esso, a est della città ea ovest dell’area storica di Tømmermandsøen (isola del carpentiere). L’area residenziale più giovane è in costruzione dall’altra parte della baia sulla strada per l’aeroporto e nei prossimi anni verrà ampliata con centinaia di case a est.

Ci sono asili nido per circa 430 bambini a Sisimiut. Le due scuole primarie della città insegnano insieme a circa 790 studenti. C’è anche una scuola privata e una scuola speciale a Sisimiut. La città è anche sede di un liceo (GUX), l’unico liceo tecnico del paese (THX), la Sanaartornermik Ilinniarfik (scuola di costruzioni e impianti), l’Ilinniarfik (scuola di ferro e metallo) a Nuuk e quella di Sisimiut Il Teknikimik Ilinniarfik (KTI) si trova nella scuola delle materie prime. Anche la filiale ARTEK della Danmarks Tekniske Universitet si trova a Sisimiut. Nel 1962, Knud Rasmussens Højskole è stata aperta a Sisimiut, la prima università del paese, che oggi è una delle due università della Groenlandia insieme a Sulisartut Højskoliat. C’è anche una scuola di lingue e il Kalaallisuuliornermik Ilinniarfik, che è stato separato dal KRH e insegna la realizzazione del costume nazionale. In città è presente anche una casa di riposo e numerosi appartamenti adatti agli anziani.

A est della città c’è un grande comprensorio sciistico che svolge un ruolo nel turismo della città. Sisimiut ha anche l’unica piscina all’aperto del paese. In città c’è anche una casa di riunione, un palazzetto dello sport e il centro culturale Taseralik.

Decine di edifici a Sisimiut sono meritevoli di conservazione o sono sotto tutela monumentale.

Sport

Sisimiut è sede di diverse squadre di calcio. La SAK Sisimiut, fondata nel 1951, vinse il campionato di calcio della Groenlandia nel 1974. Nel 1968 fu fondata la S-68 Sisimiut, che alla fine degli anni ’80 riuscì a qualificarsi più volte per la fase finale del campionato. Nel 2018 è stata fondata l’FC Asummiut Sisimiut che ha preso parte al campionato per la prima volta nel 2019.

Clima

Sisimiut clima
Sisimiut clima

A Sisimiut c’è un clima marittimo-subpolare con una temperatura media di -3,8 °C, il che significa che è un po’ più freddo, soprattutto in inverno, ma anche significativamente più secco che a Nuuk tutto l’anno. A causa dei giorni e delle notti polari, le estati sono ricche di sole, mentre in inverno difficilmente si alzano.

Video

Un rapido tour di Sisimiut sopra il circolo polare artico in Groenlandia occidentale

https://youtube.com/watch?v=Q0kT-X_8Tx4%3Fversion%3D3%26rel%3D1%26showsearch%3D0%26showinfo%3D1%26iv_load_policy%3D1%26fs%3D1%26hl%3Den-US%26autohide%3D2%26wmode%3Dtransparent

Benvenuti a Sisimiut, Groenlandia

https://youtube.com/watch?v=oKuTBrd0JVo%3Fversion%3D3%26rel%3D1%26showsearch%3D0%26showinfo%3D1%26iv_load_policy%3D1%26fs%3D1%26hl%3Den-US%26autohide%3D2%26wmode%3Dtransparent

Sisimiut – Groenlandia (HD1080p)

https://youtube.com/watch?v=4B92g9JUqaI%3Fversion%3D3%26rel%3D1%26showsearch%3D0%26showinfo%3D1%26iv_load_policy%3D1%26fs%3D1%26hl%3Den-US%26autohide%3D2%26wmode%3Dtransparent


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *